Volontariato

ASSOCIAZIONI E GRUPPI COMUNALI

Il Decreto Ministeriale del 28 Maggio 1993 individua nel primo articolo i servizi locali indispensabili che ogni comune deve possedere; tra questi risulta il servizio di Protezione Civile che può essere espletato direttamente, tramite la costituzione di un Gruppo Comunale oppure indirettamente, affidandolo mediante apposita convenzione ad una Associazione accreditata presente sul territorio.
Una forza di volontariato può quindi costituirsi in Associazione o Gruppo Comunale dove:

Associazione

Opera attraverso uno STATUTO, registrato, e redatto nel rispetto di requisiti stabiliti dalla normativa nazionale e regionale in materia (assenza di fini di lucro, democraticità della struttura, elettività e gratuità delle cariche associative, gratuità delle prestazioni degli aderenti, criteri di ammissione e di esclusione degli aderenti, obblighi e diritti degli aderenti, obbligo di formazione annuale del bilancio, dal quale devono risultare i beni, i contributi ed i lasciti ricevuti nonché le modalità di approvazione, ecc.). Lo Statuto indica le finalità di protezione civile che l’associazione intende perseguire. Il rappresentante legale dell’ASSOCIAZIONE è democraticamente eletto all’interno dell’associazione nelle forme statutarie;

Gruppo Comunale

Viene istituito dall’Amministrazione Comunale mediante un Regolamento approvato con delibera Consiliare. Il rappresentante legale del Gruppo Comunale è sempre il Sindaco, che è la massima Autorità di Protezione Civile a livello Comunale. Il regolamento, oltre alle finalità di protezione civile che si intende perseguire, disciplina, tra l’altro, requisiti e modalità di accesso al Gruppo, modalità di partecipazione all’attività del gruppo, gratuità per le prestazioni rese dai suoi componenti, modalità di attivazione e di funzionalità del gruppo, ecc.. I GRUPPI per poter essere iscritti all’Albo regionale devono essere “operativi”, cioè costituiti da almeno l’80% di componenti disponibili a svolgere compiti operativi. I componenti dei Gruppi comunali devono essere iscritti in un apposita sezione “elenco volontari” dell’Albo Comunale del Volontariato.

 

PROCEDURE DI IMPIEGO E RIMBORSI

Il DPR 194/2001 disciplina le modalità di impiego dei volontari in emergenza e in attività di Protezione Civile.
In particolare l’art.9 del suddetto decreto da facoltà ai Sindaci ed alle altre autorità di Protezione Civile competenti di impiegare i volontari in attività di soccorso e assistenza in vista o in occasione di eventi di protezione civile.

Per le attività di Protezione Civile svolte dalle organizzazioni di volontariato di protezione civile attivate dal Sindaco o da altre autorità di Protezione Civile, per le quali sia stato concessa l’applicazione dei benefici di legge dal Dipartimento della Protezione Civile nazionale la normativa prevede rimborsi in favore delle organizzazioni di volontariato (art.10 del DPR 194/2001) e dei datori di lavoro (art.9 del DPR 194/2001) che ne fanno richiesta entro due anni.

Per ottenere i suddetti rimborsi deve essere presentata apposita istanza ai sensi del DPR 194/2001 e nel rispetto della circolare n. DPC/VRE/54056 del 26/11/04 diramata dal Capo del Dipartimento della Protezione Civile nazionale.
L’istanza di rimborso va presentata direttamente all’Ente/Autorità che ha attivato l’organizzazione di volontariato, che curerà l’istruttoria prima di proseguire le pratiche al Dipartimento nazionale della Protezione Civile per l’erogazione dei fondi stanziati per l’applicazione del DPR 194/2001.

 

NORMATIVA SUL VOLONTARIATO

I diritti del volontario di protezione civile

  • Il volontario di protezione civile non percepisce alcun compenso, ma la legge lo tutela come lavoratore: in caso di impiego, lo Stato rimborsa la giornata lavorativa al datore di lavoro pubblico o privato.
  • Il volontario di protezione civile è assicurato contro i rischi di responsabilità civile verso terzi, gli infortuni e le malattie professionali.
  • Le organizzazioni di protezione civile possono richiedere il rimborso delle spese sostenute dai propri volontari nel corso delle attività.